Lettera aperta al Ministro del Lavoro sulla spending review

Nazionale -

AL MINISTRO DEL LAVORO E P.S.

Prof.ssa Elsa FORNERO

AL CAPO DI GABINETTO

Prof.re Francesco TOMMASONE

AL SEGRETARIO GENERALE

Dott.ssa Matilde MANCINI

AL DIRETTORE DELLA DIREZIONE GENERALE P.I.B.L.O.

Dott.ssa Concetta FERRARI

A TUTTI I LAVORATORI DEL MINISTERO DEL LAVORO E P.S.

 

Oggetto: decreto legge 06 luglio 2012 n° 95 convertito nella legge 07 agosto 2012 n° 135 (c.d. spending review).

 

 

Con l’entrata in vigore della legge in oggetto indicata il Ministero del Lavoro dovrà procedere nei prossimi giorni/mesi alla predisposizione di numerosi decreti che avranno pesanti ricadute sull’organizzazione del lavoro e sul numero dei lavoratori attualmente in forza presso la nostra Amministrazione sia al livello periferico che in quello centrale.

 

Infatti:

-          ai sensi dell’art. Art. 2 – Riduzione delle dotazioni organiche delle pubbliche amministrazioni – :

o   comma 1. Gli uffici dirigenziali e le dotazioni organiche delle amministrazioni dello Stato, anche ad ordinamento autonomo, delle agenzie, degli enti pubblici non economici, degli enti di ricerca, nonche’ degli enti pubblici di cui all’articolo 70, comma 4, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni ed integrazioni sono ridotti, con le modalita’ previste dal comma 5, nella seguente misura:
a) gli uffici dirigenziali, di livello generale e di livello non generale e le relative dotazioni organiche, in misura non inferiore, per entrambe le tipologie di uffici e per ciascuna dotazione, al 20 per cento di quelli esistenti;
b) le dotazioni organiche del personale non dirigenziale, apportando un’ulteriore riduzione non inferiore al 10 per cento della spesa complessiva relativa al numero dei posti di organico di tale personale. Per gli enti di ricerca la riduzione di cui alla presente lettera si riferisce alle dotazioni organiche del personale non dirigenziale, esclusi i ricercatori ed i tecnologi.

o   comma 10. Entro sei mesi dall’adozione dei provvedimenti di cui al comma 5 le amministrazioni interessate adottano i regolamenti di organizzazione, secondo i rispettivi ordinamenti, applicando misure volte:
a) alla concentrazione dell’esercizio delle funzioni istituzionali, attraverso il riordino delle competenze degli uffici eliminando eventuali duplicazioni;
b) alla riorganizzazione degli uffici con funzioni ispettive e di controllo;
c) alla rideterminazione della rete periferica su base regionale o interregionale;
d) all’unificazione, anche in sede periferica, delle strutture che svolgono funzioni logistiche e strumentali, compresa la gestione del personale e dei servizi comuni;
e) alla conclusione di appositi accordi tra amministrazioni per l’esercizio unitario delle funzioni di cui alla lettera d), ricorrendo anche a strumenti di innovazione amministrativa e tecnologica e all’utilizzo congiunto delle risorse umane;
f) alla tendenziale eliminazione degli incarichi di cui all’articolo 19, comma 10, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165.

 

-          ai sensi dell’art. 10 – Riorganizzazione della presenza dello Stato sul territorio viene costituito presso le Prefetture l’Ufficio territoriale del Governo che:

comma 1) “assicura, nel rispetto dell’autonomia funzionale e operativa degli altri uffici periferici delle amministrazioni statali, le funzioni di rappresentanza unitaria dello Stato sul territorio …… (Le funzioni di rappresentanza unitaria di cui al primo periodo sono assicurate, tra l’altro, mediante costituzione presso ogni Prefettura-Ufficio territoriale del Governo di un ufficio unico di garanzia dei rapporti tra i cittadini e lo Stato. Al fine del conseguimento dei livelli ottimali di efficienza, le singole funzioni logistiche e strumentali di tutti gli uffici periferici delle amministrazioni statali sono esercitate da un unico ufficio che ne assume la responsabilita’ diretta ed esclusiva).

Ai sensi del comma 2) Con regolamento da adottare entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto ai sensi dell’articolo 17, comma 2, della legge 23 agosto 1988, n. 400, e successive modificazioni, fermo restando il mantenimento in capo alle Prefetture – ((Uffici territoriali del Governo)) di tutte le funzioni di competenza delle Prefetture, si provvede all’individuazione di ulteriori compiti e attribuzioni della Prefettura – Ufficio ((territoriale del Governo)) connessi all’esercizio delle funzioni di cui al comma 1, secondo le seguenti norme generali regolatrici della materia:

a) contenimento della spesa pubblica;
b) mantenimento della circoscrizione provinciale quale ambito territoriale di competenza delle Prefetture – Uffici ((territoriali del Governo)) e degli altri uffici periferici delle pubbliche amministrazioni dello Stato, gia’ organizzati su base provinciale, salvo l’adeguamento dello stesso ambito a quello della citta’ metropolitana, laddove costituita, e fatta salva la possibilita’ di individuare, con provvedimento motivato, presidi in specifici ambiti territoriali per eccezionali esigenze connesse alla tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica e del soccorso pubblico, nonche’ alla garanzia dei livelli essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali;
c) in coerenza con la funzione di rappresentanza unitaria dello
Stato, individuazione di modalita’, anche ulteriori a quelle di cui all’articolo 11, del decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300, e successive modificazioni, per assicurare, su scala provinciale, regionale o sovraregionale, l’ottimale esercizio coordinato dell’attivita’ amministrativa degli uffici periferici dello Stato ((e costituzione di un ufficio unico di garanzia dei rapporti tra i cittadini e lo Stato in ogni Prefettura-Ufficio territoriale del Governo, che esercita i propri compiti esclusivamente mediante utilizzo di beni e risorse umane, finanziarie e strumentali disponibili;))
d) realizzazione dell’esercizio unitario delle funzioni logistiche e strumentali di tutte le strutture periferiche dell’amministrazione dello Stato ed istituzione di servizi comuni, con particolare riferimento alle funzioni di gestione del personale, di controllo di gestione, di economato, di gestione dei sistemi informativi automatizzati, di gestione dei contratti, nonche’ utilizzazione in via prioritaria di beni immobili di proprieta’ pubblica, in modo da assicurare la riduzione di almeno il (( 20 per cento )) della spesa sostenuta dallo Stato per l’esercizio delle medesime funzioni;
((d-bis) attribuzione delle singole funzioni logistiche e strumentali di tutte le strutture periferiche dell’amministrazione dello Stato, di cui alla lettera d), ad un unico ufficio, che ne assume la responsabilita’ diretta ed esclusiva;))
e) funzionalmente al processo di cui alla lettera d) del presente comma, con riferimento alle risorse che non risultano piu’ adibite all’esercizio delle funzioni divenute oggetto di esercizio unitario da parte di altre strutture periferiche dell’amministrazione dello Stato:
1) assegnazione, da parte delle amministrazioni di appartenenza, delle risorse umane ad altre funzioni, ovvero collocamento in mobilita’ delle relative unita’ ai sensi degli articoli 33, 34 e 34-bis del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni;
2) riallocazione delle risorse strumentali ed assegnazione di quelle finanziarie in capo agli uffici individuati per l’esercizio unitario di ciascuna di tali funzioni.
3. Il regolamento di cui al comma 2 e’ adottato su proposta del Ministro dell’interno, del Ministro per la pubblica amministrazione e la semplificazione e del Ministro dell’economia e delle finanze, di concerto con i Ministri competenti per materia. Lo schema di regolamento, previo parere della Conferenza unificata, e’ trasmesso alle Camere per l’espressione dei pareri da parte delle competenti Commissioni parlamentari entro il termine di quarantacinque giorni dalla data di trasmissione. Decorso il termine per l’espressione dei pareri, il regolamento puo’ essere comunque adottato. Al fine di evitare soluzioni di continuita’ nell’integrazione dei sistemi informativi centrali e periferici del Ministero dell’Economia e delle Finanze, necessaria per l’azione di monitoraggio e controllo delle grandezze finanziarie e della spesa pubblica in particolare, la competenza sulle infrastrutture informatiche e sui relativi sistemi applicativi in uso alle Ragionerie Territoriali dello Stato rimane attribuita al Ministero dell’economia e delle finanze.
4. Sono fatte salve le competenze delle regioni a statuto speciale e delle Province autonome di Trento e di Bolzano. Dall’applicazione del presente articolo sono esclusi gli uffici di sanita’ marittima, aerea e di frontiera, i Posti di ispezione frontaliera e gli uffici veterinari per gli adempimenti degli obblighi comunitari.

 

Ai sensi dell’art. 17 – ( Riordino delle province e loro funzioni )

Al fine di contribuire al conseguimento degli obiettivi di finanza pubblica imposti dagli obblighi europei necessari al raggiungimento del pareggio di bilancio, ((tutte le province delle regioni a statuto ordinario esistenti alla data di entrata in vigore del presente decreto sono oggetto di riordino)) sulla base dei criteri e secondo la procedura di cui ai commi 2 e 3.
2. Entro dieci giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto, il Consiglio dei ministri determina, con apposita deliberazione, da adottare su proposta dei Ministri dell’interno e della pubblica amministrazione, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, ((il riordino delle province sulla base di requisiti minimi)), da individuarsi nella dimensione territoriale e nella popolazione residente in ciascuna provincia. Ai fini del presente articolo, anche in deroga alla disciplina vigente, la popolazione residente e’ determinata in base ai dati dell’Istituto nazionale di statistica relativi all’ultimo censimento ufficiale, comunque disponibili alla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto. Sono fatte salve le province nel cui territorio si trova il comune capoluogo di regione. Sono fatte salve, altresi’, le province confinanti solo con province di regioni diverse da quella di appartenenza e con una delle province di cui all’articolo 18, comma 1.
3.(( Il Consiglio delle autonomie locali di ogni regione a statuto ordinario o, in mancanza, l’organo regionale di raccordo tra regioni ed enti locali, entro settanta giorni dalla data di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale della deliberazione di cui al comma 2, nel rispetto della continuita’ territoriale della provincia, approva una ipotesi di riordino relativa alle province ubicate nel territorio della rispettiva regione e la invia alla regione medesima entro il giorno successivo. Entro venti giorni dalla data di trasmissione dell’ipotesi di riordino o, comunque, anche in mancanza della trasmissione, trascorsi novantadue giorni dalla citata data di pubblicazione, ciascuna regione trasmette al Governo, ai fini di cui al comma 4, una proposta di riordino delle province ubicate nel proprio territorio, formulata sulla base dell’ipotesi di cui primo periodo. Le ipotesi e le proposte di riordino tengono conto delle eventuali iniziative comunali volte a modificare le circoscrizioni provinciali esistenti alla data di adozione della deliberazione di cui al comma 2. Resta fermo che il riordino deve essere effettuato nel rispetto dei requisiti minimi di cui al citato comma 2, determinati sulla base dei dati di dimensione territoriale e di popolazione, come esistenti alla data di adozione della deliberazione di cui al medesimo comma 2.))
4. ((Entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, con atto legislativo di iniziativa governativa le province sono riordinate sulla base delle proposte regionali di cui al comma 3, con contestuale ridefinizione dell’ambito delle citta’ metropolitane di cui all’articolo 18, conseguente alle eventuali iniziative dei comuni ai sensi dell’articolo 133, primo comma, della Costituzione nonche’ del comma 2 del medesimo articolo 18. Se alla data di cui al primo periodo una o piu’ proposte di riordino delle regioni non sono pervenute al Governo, il provvedimento legislativo di cui al citato primo periodo e’ assunto previo parere della Conferenza unificata di cui all’articolo 8 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, e successive modificazioni, che si esprime entro dieci giorni esclusivamente in ordine al riordino delle province ubicate nei territori delle regioni medesime.))
((4-bis. In esito al riordino di cui al comma 1, assume il ruolo di comune capoluogo delle singole province il comune gia’ capoluogo di provincia con maggior popolazione residente, salvo il caso di diverso accordo tra i comuni gia’ capoluogo di ciascuna provincia oggetto di riordino.))
5. Le Regioni a statuto speciale, entro sei mesi dalla data di entrata in vigore del presente decreto, adeguano i propri ordinamenti ai principi di cui al presente articolo, che costituiscono principi dell’ordinamento giuridico della Repubblica nonche’ principi fondamentali di coordinamento della finanza pubblica. Le disposizioni di cui al presente articolo non trovano applicazione per le province autonome di Trento e Bolzano.
6. Fermo restando quanto disposto dal comma 10 del presente articolo, e fatte salve le funzioni di indirizzo e di coordinamento di cui all’articolo 23, comma 14, del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito nella legge 22 dicembre 2011, n. 214, nel rispetto del principio di sussidiarieta’ di cui all’articolo 118, comma primo, della Costituzione, e in attuazione delle disposizioni di cui al comma 18 del citato articolo 23, come convertito, con modificazioni, dalla citata legge n. 214 del 2011, sono trasferite ai comuni le funzioni amministrative conferite alle province con legge dello Stato fino alla data di entrata in vigore del presente decreto e rientranti nelle materie di competenza legislativa esclusiva dello Stato ai sensi dell’articolo 117, comma secondo, della Costituzione.
7. Le funzioni amministrative di cui al comma 6 sono individuate con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro dell’interno di concerto con il Ministro per la pubblica amministrazione e con il Ministro dell’economia e delle finanze, da adottare entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto, previa intesa con la Conferenza Stato-Citta’ ed autonomie locali.
8. Con uno o piu’ decreti del Presidente del Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro dell’interno, del Ministro per la pubblica amministrazione e la semplificazione e del Ministro dell’economia e delle finanze, da adottare entro centottanta giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto, previa intesa con la Conferenza Stato-citta’ ed autonomie locali, sulla base della individuazione delle funzioni di cui al comma 7, si provvede alla puntuale individuazione dei beni e delle risorse finanziarie, umane, strumentali e organizzative connessi all’esercizio delle funzioni stesse ed al loro conseguente trasferimento dalla provincia ai comuni interessati. Sugli schemi dei decreti, per quanto attiene al trasferimento di risorse umane, sono consultate le organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative.
((8-bis. Sui decreti di cui ai commi 7 e 8 e’ acquisito il parere della Commissione parlamentare per la semplificazione di cui all’articolo 14, comma 19, della legge 28 novembre 2005, n. 246, e successive modificazioni.))
9. La decorrenza dell’esercizio delle funzioni trasferite ai sensi del comma 6 e’ inderogabilmente subordinata ed e’ contestuale all’effettivo trasferimento dei beni e delle risorse finanziarie, umane e strumentali necessarie all’esercizio delle medesime.
10. All’esito della procedura di riordino, sono funzioni delle province quali enti con funzioni di area vasta, ai sensi dell’articolo 117, secondo comma, lettera p), della Costituzione:
a) pianificazione territoriale provinciale di coordinamento nonche’ tutela e valorizzazione dell’ambiente, per gli aspetti di competenza;
b) pianificazione dei servizi di trasporto in ambito provinciale, autorizzazione e controllo in materia di trasporto privato, in coerenza con la programmazione regionale nonche’ costruzione, classificazione e gestione delle strade provinciali e regolazione della circolazione stradale ad esse inerente;
((b-bis) programmazione provinciale della rete scolastica e gestione dell’edilizia scolastica relativa alle scuole secondarie di secondo grado.))
11. Restano ferme le funzioni di programmazione e di coordinamento delle regioni, loro spettanti nelle materie di cui all’articolo 117, commi terzo e quarto, della Costituzione, e le funzioni esercitate ai sensi dell’articolo 118 della Costituzione.
12. Resta fermo che gli organi di governo della Provincia sono esclusivamente il Consiglio provinciale e il Presidente della Provincia, ai sensi dell’articolo 23, comma 15, del citato decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito nella legge 22 dicembre 2011, n. 214.
13. La redistribuzione del patto di stabilita’ interno tra gli enti territoriali interessati, conseguente all’attuazione del presente articolo, e’ operata a invarianza del contributo complessivo.
((13-bis. Per l’anno 2012 alle province di cui all’articolo 16, comma 7, e’ attribuito un contributo, nei limiti di un importo complessivo di 100 milioni di euro. Il contributo non e’ conteggiato fra le entrate valide ai fini del patto di stabilita’ interno ed e’ destinato alla riduzione del debito. Il riparto del contributo tra le province e’ stabilito con le modalita’ previste dal medesimo comma 7.))
(13-ter. Alla copertura finanziaria degli oneri derivanti dal comma 13-bis, pari a 100 milioni di euro per l’anno 2012, si provvede mediante versamento all’entrata del bilancio dello Stato di una corrispondente quota delle risorse disponibili sulla contabilita’ speciale 1778 «Agenzia delle entrate-Fondo di bilancio».)

 

Come è bene immaginabile le ricadute che questo impianto normativo provocheranno sui lavoratori  per le scelte fatte dal governo Monti in ossequio al dictat della BCE saranno devastanti; ci saranno soprattutto nel Ministero del Lavoro diverse centinaia di lavoratori messi obbligatoriamente in pensione o ancora peggio  in mobilità e, magari successivamente licenziati.

Questo processo sarà contrastato dall’ Unione Sindacale di Base, come abitualmente avviene, ogni qual volta sono messi in discussione i diritti dei lavoratori e i servizi ai cittadini, come quelli svolti dal Ministero del Lavoro e dagli uffici periferici esistenti su tutto il territorio nazionale.

 

 

·         Presso quanto sopra si chiede al vertice politico/amministrativo di questo Ministero di specificare quali ricadute avranno le norme sopra citate con riferimento ai punti che si vanno di seguito ad evidenziare:

 

·         Indicazione del numero dei dirigenti e del personale non dirigenziale che verrà considerato in esubero ai sensi dell’art. 2 comma 1.

 

·         Destino delle Direzioni Territoriali del Lavoro ubicate presso le provincie che verranno soppresse ai sensi dell’art. 17:

o   – se continueranno a svolgere le loro funzioni regolarmente.

o   – se seguiranno il destino delle relative province e verranno accorpate agli    uffici territoriali con relativa mobilità del personale. In questo caso quali ulteriori esuberi si prevedono e per quali qualifiche?

o   – se rimarranno attive come sedi locali. In questo caso quali ulteriori esuberi si prevedono e per quali qualifiche?

 

·         Con riferimento all’Ufficio Territoriale del Governo, istituito sensi dell’art. 10, che verrà costituito presso le Prefetture e che gestirà ai sensi del comma 2 lett. d) “servizi comuni, con particolare riferimento alle funzioni di gestione del personale, di controllo di gestione, di economato, di gestione dei sistemi informativi automatizzati, di gestione dei contratti, nonché utilizzazione in via prioritaria di beni immobili di proprietà pubblica, in modo da assicurare la riduzione di almeno il ( 20 per cento ) della spesa sostenuta dallo Stato per l’esercizio delle medesime funzioni” si chiede quanto segue:

o   quali saranno gli esuberi previsti nell’ambito delle Direzioni Territoriali del Lavoro e per quali qualifiche, considerato che il comma 2 lett. e) punto 1) prevede l’assegnazione, da parte delle amministrazioni di appartenenza, delle risorse umane ad altre funzioni, ovvero collocamento in mobilita’ delle relative unita’ ai sensi degli articoli 33, 34 e 34-bis del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni.

 

·         L’art. 2 comma 10, prevede alla lettera b), la riorganizzazione degli uffici con funzioni ispettive e di controllo. Si chiede di conoscere quali sono le linee programmatiche di codesta amministrazione sulla riorganizzazione delle funzione ispettive a livello locale, nonché il progetto politico che ne derivi, e se tale riorganizzazione preveda ulteriori tagli di personale e per quali qualifiche.

 

Convinti che tutti i lavoratori abbiano il diritto di essere tempestivamente informati circa il proprio destino, restiamo in attesa di un sollecito riscontro alla presente nota.

 

 

Roma, 25 settembre 2012       

                        per  USB/P.I. Coordinamento Nazionale Lavoro e P.S.

 

                                                                     Claudio SABANI

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati