Missioni e tessere del personale ispettivo

Nazionale -

Premesso che la legge 18 dicembre 1973 n. 836 stabiliva il trattamento economico di missione e di trasferimento dei dipendenti statali,  che l’art. 1 comma 213 della legge 23.12.2005 n.266 ha soppresso l’indennità di missione per i dipendenti pubblici con eccezione per il personale delle forze armate e di polizia, per il personale ispettivo del lavoro del Ministero del lavoro e della previdenza sociale, dell’ INPS, dell’ ENPALS, dell’ IPSEMA, dell’ INAIL nonché del personale delle agenzie fiscali (art. 1 comma 213 bis- deroghe alla soppressione dell’indennità di missione), ne deriva che, per gli Uffici del INL, il trattamento economico di missione e l’utilizzo del mezzo proprio spetta solo al personale ispettivo. Peccato che sempre più spesso si verificano casi contrari, dove agli ispettori viene negato il trattamento di missione e l’uso del mezzo proprio per l’espletamento dell’attività di vigilanza o per delega dell’autorità giudiziaria in attività complesse, cosi come per attività di partecipazione a commissioni in cui è previsto un componente avente qualifica ispettiva,  mentre L’INL fa miracoli quando vuole, legifera da sola e laddove la norma non lo stabilisce concede l’utilizzo del mezzo proprio al personale senza qualifica ispettiva  tra cui i direttori anche per raggiungere una sede ad interim.


Ci chiediamo, inoltre, con quale legge dello Stato i direttori dell’Ispettorato del Lavoro sono stati insigniti della qualifica di Ispettori?  Altro miracolo dell’INL?


Se l’art. 5 del D.M. 14 novembre 2016 dispone che al solo personale che presta servizio ispettivo è rilasciata la tessera di riconoscimento, al fine di poter procedere alle attività di vigilanza, e nei limiti della previsione dell’art. 2 c.2 d.lgs. 124/04 cosi come ribadito dal d.lgs 149/15 sono ufficiali di polizia giudiziaria, come è possibile, dunque, che ai direttori degli uffici del INL sono stati consegnate tali tessere? E a quali fini non essendo ispettori e non potendo di conseguenza svolgere attività ispettiva?


La parola d’ordine della creazione dell’ INL è stata …. “riforma a costo zero”: scarseggiano i fondi per svolgere compiutamente le funzioni ispettive, per la formazione e per gli strumenti di lavoro del personale amministrativo e ispettivo, vengono sottratte somme importanti dai FUA , tanto da impedire le progressioni economiche, e poi …  “riforma a costo zero” si, ma …. solo e sempre per le aree funzionali.



USB/P.I. Coordinamento Nazionale Lavoro


* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni