Logista Italia, no alla delocalizzazione della sede di Maddaloni

Napoli -

È in corso da stamattina, 11 febbraio, presso gli uffici della Regione al Centro Direzionale, un tavolo di confronto tra organizzazioni sindacali, vertici istituzionali e rappresentanti della multinazionale LOGISTA ITALIA.

L'azienda, passata agli onori delle cronache per aver di recente licenziato i dipendenti del deposito di Bologna con un messaggio Wathsapp, ha deciso di chiudere anche la sede di Maddaloni, gestita in subappalto da GLD che si è già distinta per il licenziamento di un delegato USB.

Nonostante i profitti milionari l'azienda, che lavora in appalto per il Monopolio di Stato, vuole delocalizzare per aumentare i profitti.

I lavoratori, stamattina in presidio, hanno reagito con la proclamazione dello stato di agitazione e assemblea permanente.

LOGISTA ritiri immediatamente ogni ipotesi di delocalizzazione, USB continuerà a mobilitarsi e ad organizzare i lavoratori che, dal canto loro, promettono di non arrendersi!

USB Campania

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati