Pubblico Impiego Ministero del Lavoro e Politiche Sociali

SIAMO ALLE SOLITE, ORA BASTA!!!!

Roma -

Un’ulteriore aggressione agli Ispettori del Lavoro.


Il 06/10/2016, tre ispettori del lavoro (appartenenti alle DTL di Mantova, Como e Roma), facenti parte della task force, costituita a livello nazionale, per espletare approfondite verifiche nel settore dell’agricoltura a Mantova e provincia, sono stati duramente aggrediti, minacciati e colpiti fisicamente perché ... stavano semplicemente svolgendo il proprio lavoro.


Già, proprio così anzi ANCORA COSI’……. durante una verifica effettuata presso un fondo in località Castel d’Ario, i 3 funzionari, mentre raccoglievano le dichiarazioni dei lavoratori trovati intenti ad attività lavorativa, al fine di verificarne la regolare assunzione, venivano brutalmente affrontati dal titolare del fondo che, armato di rastrello agricolo, li minacciava con toni minacciosi ed offensivi apostrofandoli con le seguenti parole: “… ANDATE VIA PARASSITI, QUESTA E’ LA MIA PROPRIETA’, VERGOGNATEVI, ANDATE A LAVORARE, USCITE FUORI DALLA MIA PROPRIETA …”.


Non è accettabile una situazione del genere! il ripetersi di tali situazioni sta ormai prendendo una deriva talmente assurda e pericolosa che non si capisce quando e come possa terminare.


Gli ispettori vogliono interventi fattivi che permettano loro di poter operare in sicurezza.


 L’Ispettorato Nazionale potrà e dovrà prendere provvedimenti per garantire maggiore sicurezza agli ispettori, ma sarà un’impresa impossibile se gli organi centrali di vertice continueranno ad essere orientati  verso  una vigilanza indirizzata per lo più alle piccole/piccolissime unità produttive presenti sui territori, per fare cassa,  e se il numero degli ispettori del lavoro continuerà a diminuire, come sta avvenendo da tempo, senza che vengano effettuate nuove assunzioni.


 A tale proposito sarebbe interessante conoscere la dimensione degli organici delle aziende ispezionate negli ultimi anni, dato che, stranamente, non emerge dai rapporti annuali sull’attività di vigilanza pubblicati finora dal Ministero.


Si chiedono, dunque, fattivi interventi, per permettere agli ispettori tutti di poter operare, nel rispetto delle leggi, certi che solo l’abnegazione che dimostrano tutti i giorni nell’esplicitazione della loro attività lavorativa possa costituire fonte di tutela e sicurezza per tutti i lavoratori
                                               
                             

per la Fed. USB P.I. - Coord. Nazionale Lavoro e P.S.