DPL BOLOGNA: BOCCIATO L’ACCORDO NAZIONALE FUA 2009

Il comunicato delle RSU

Bologna -

 

I lavoratori della DPL di Bologna, in una affollata e partecipata assemblea tenutasi oggi, hanno bocciato, a maggioranza, i contenuti ed i criteri di suddivisione delle risorse del FUA così come previsti dall’accordo nazionale definitivamente sottoscritto il 29 aprile da Cisl, Uil, Confsal e Flp.



A proposito di sistema di valutazione del personale, i lavoratori della DPL di Bologna, con la votazione di oggi hanno voluto esprimere una loro valutazione sull’operato ed i contenuti espressi dagli accordi sottoscritti da alcune oo.ss.

Nella lunga discussione che si è tenuta, sono stati utilizzati come criteri di valutazione:

- salvaguardia del potere d’acquisto delle retribuzioni: mentre tutti gli istituti di ricerca, anche internazionali, sottolineano con preoccupazione la continua erosione del potere d’acquisto delle retribuzioni non è possibile che parte di queste, volgarmente chiamate salario accessorio, siano lasciate a valutazioni soggettive.

- recupero della quota di FUA decurtata dalla L 133: di cui tutti sembrano non ricordare più e che riduce le risorse del FUA di un buon 30%.

- Decreto Brunetta: con la nota previsione del 25% del personale da escludere dalla distribuzione del FUA (e che lascia presagire come i tagli del FUA si avvino ad essere “strutturali” ed incamerati semplicemente come risparmi, ma sulla nostra pelle) oltre ad altre amenità quali bonus eccellenza, premio innovazione, miss produttività, ecc)

- Pagelline socio-comportamentali dei dipendenti già in sperimentazione in alcuni uffici in previsione dell’introduzione con il FUA 2010.

E’ probabile che ai livelli di contrattazione superiori, così come previsto dall’accordo nazionale, verrà comunque siglato un accordo che ricalca in pieno i contenuti dell’accordo nazionale.

Si è voluto comunque dare un segnale forte: non con noi, non con la nostra complicità.

Invitiamo i colleghi tutti a non cedere alla rassegnazione ed esprimere analoghe valutazioni sul FUA 2009, e non solo.

SU LA TESTA !!

 


Il comunicato delle RSU DPL di Bologna

 

L’assemblea dei lavoratori della DPL di Bologna tenuta il 25-05-2009, non ha fornito il mandato alle RSU per la prosecuzione della trattativa relativa ai criteri di distribuzione del Fondo Unico di Amministrazione 2009.

 

Nonostante la disponibilità manifestata dalla Direzione a rivedere l’ipotesi di ripartizione del FUA, presentata nel corso dei precedenti incontri con la RSU, l’assemblea è giunta a tale determinazione in considerazione della non condivisione dei contenuti e dei criteri di ripartizione del FUA 2009 previsti dall’Accordo Nazionale, e, conseguentemente, anche a causa dell’introduzione di un sistema di valutazione individuale che si presterebbe a valutazioni arbitrarie del soggetto valutante.

 

Il personale ha peraltro rappresentato forti timori che il sistema suddetto possa contribuire ad alimentare divisioni e discriminazioni tra i lavoratori, e possa essere destinato a produrre i propri effetti negativi anche per quanto concerne il nuovo impianto di progressione economica e professionale in via di adozione da parte del legislatore.